Giornata della Memoria, perché non accada più

Le considerazioni del cardinale Matteo Zuppi, presidente della Cei

In occasione della Giornata della memoria sono stati diversi gli incontri, le manifestazioni in ricordo di una delle peggiori pagine della Storia.

Tra gli interventi, InfiniteRealtà.it vuole citare le considerazioni del presidente della Cei, Conferenza episcopale italiana, il cardinale Matteo Zuppi, che considera questa Giornata “un appuntamento che impone a tutti non solo di ricordare la brutalità compiuta, ma di contrastare ogni forma di razzismo, antisemitismo e discriminazione”.

Cardinale Matteo Zuppi
Cardinale Matteo Zuppi

Secondo il cardinale si tratta, infatti, di “semi insidiosi, che riappaiono in maniera inquietante, che si nutrono di indifferenza e ignoranza, giustificano atteggiamenti e parole, sempre pericolose, come ad esempio il razzismo digitale”.

Questa ricorrenza, per il presidente della Cei “onora la memoria di quelle vittime, ci aiuta a capire il nostro passato, perché sono nostri fratelli e sorelle, a raccoglierne la dolorosa eredità consegnata perché ci rendiamo conto e non accada più”.

Foto tratte dal web

Non copiare!!!