Emergenza Covid-19, prorogata al 3 maggio la validità del congedo parentale straordinario

È stata prorogata fino al 3 maggio dall’INPS la validità del congedo parentale straordinario di 15 giorni, per l’emergenza coronavirus.
Sì tratta di una proroga scaturita dal prolungamento del periodo di sospensione dei servizi scolastici fino al 3 maggio.
Quindi, sono allungati i termini per la fruizione dei 15 giorni di congedo, previsti per chi ha figli fino a 12 anni d’età.
Il congedo parentale è un periodo straordinario che i genitori possono chiedere con la chiusura delle scuole a causa dell’emergenza Covid-19. Possono usufruirne dallo scorso 5 marzo, i lavoratori dipendenti privati, gli autonomi iscritti all’INPS, i dipendenti pubblici e gli iscritti alla gestione separata. Il figlio di cui si devono occupare deve avere un’età non superiore ai 12 anni e l’indennità percepita corrisponde al 50% dello stipendio.

Solo uno dei due genitori può usufruire, se da entrambi, però con lo stesso numero di giorni disponibili, quindi in modo alternato. Sono 15 i giorni per ogni famiglia e se ne può usufruire quando l’altro genitore non sia disoccupato o non benefici di sostegno al reddito se è sospesa l’attività lavorativa.

Per richiedere il congedo parentale bisogna  utilizzare il portale dell’Inps: dal 14 aprile gli accessi al sito sono contingentati e le richieste possono essere inoltrate in orari differenziati. Dal lunedì al venerdì, le domande si possono  presentare dalle 8:00 alle 16:00 dai patronati, dalle 16:00 alle 8:00 dai singoli cittadini. Il sabato e la domenica l’accesso è libero.

Non copiare!!!