Attenzione alla truffa del ‘pacco bloccato’. Segnalare alla Polizia postale

In questi giorni la Polizia di Stato sta mettendo in guardia, nuovamente, sul tentativo di truffa online tramite il cosiddetto smishing.

Con l’emergenza sanitaria legata al Covid-19 sono sempre più in aumento le persone che preferiscono fare acquisti online.

Ed è proprio in questa situazione che si inseriscono i truffatori per cercare di rubare dati personali e bancari, attraverso le truffe. In questo caso agiscono inviando un sms o una mail, tramite cui richiedono il versamento di una modica cifra di denaro e di  inserire i propri dati e quelli della carta di credito per sbloccare un pacco in spedizione.

 

Polizia postale

La Polizia postale ricorda di non cliccare mai sui link che arrivano via mail o via sms, senza prima essersi accertati che siano veri, attraverso i siti web ufficiali dei marchi. Allo stesso modo non si deve  dobbiamo mai rispondere all’sms con un altro sms, anche se ci viene richiesto di farlo. Prima di fare entrambe le cose, infatti, conviene prendere informazioni, tramite Internet oppure tramite supporto clienti, se effettivamente l’azienda X sta inviando SMS con quei contenuti.

In caso di sospetti è importante fare una segnalazione al portale della Polizia postale.

Foto tratte dal web

Non copiare!!!