Roma, furto ai danni di un viaggiatore che stava acquistando dei biglietti ferroviari. Arrestati. Servizi mirati della Polfer

13 persone indagate, 4.455 persone controllate;  2 contravvenzioni per foglio di via obbligatorio, 180 le unità impiegate nelle attività di controllo nelle stazioni ferroviarie; 64 le stazioni presenziate, 132 i treni controllati, diverse persone rintracciate con provvedimenti a carico.

Questo è il risultato delle attività compiute nelle giornate del 24 e 25 marzo dagli agenti del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio, nell’ambito dell’azione di controllo straordinario disposta dal Servizio di Polizia Ferroviaria su scala nazionale aderendo all’iniziativa “RAIL ACTION DAY 24 BLUE” , finalizzata ad attivare contemporaneamente in tutti i Paesi aderenti, controlli preventivi ai viaggiatori e relativi bagagli, presenti a bordo dei convogli ferroviari.

In data 24 marzo gli agenti della Polizia Ferroviaria di Roma Ostiense, nel corso di servizi mirati al contrasto del fenomeno dei writers, hanno denunciato cinque italiani minorenni sorpresi ad imbrattare con scritte e graffiti il muro perimetrale dello scalo Ferroviario di Roma Tuscolana

In data 25 marzo, nella stazione ferroviaria di Roma Termini, due  persone straniere sono state denunciate in stato di libertà per furto, dal personale della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento Polizia Ferroviaria per il Lazio. A marzo era infatti stato perpetrato un furto ai danni di un viaggiatore che stava acquistando dei biglietti ferroviari da una macchinetta automatica all’interno  dello scalo ferroviario di  Termini. Dopo complesse indagini, anche tramite il sistema di videosorveglianza, sono stati individuati i responsabili. Sono stati disposti quindi servizi di osservazione nelle stazioni che hanno consentito ai poliziotti di rintracciare due cittadini algerini autori del furto.

Sempre nella stessa data gli agenti della Squadra di Polizia Giudiziaria del Compartimento sono intervenuti presso un rottamatore sito in Roma, dove hanno sorpreso due cittadini rumeni a scaricare, dai propri furgoni, parti di biciclette elettriche, probabilmente di società che operano nella capitale. I poliziotti non hanno riscontrato nessuna autorizzazione relativa al trasporto ed allo scarico che, quindi, risultavano abusivi. I due cittadini rumeni sono stati denunciati in stato di libertà ed i furgoni sono stati sequestrati.

Non copiare!!!