Covid, secondo l’Istat mortalità più alta e mai registrata dal Dopoguerra

Nell’anno della pandemia sono stati registrati 746.146 decessi, ossia  100.526 in più rispetto alla media 2015-2019, praticamente il 15,6% di eccesso.

Ad evidenziarlo un rapporto Istat in collaborazione con , che segna la mortalità nel 2020 in Italia, come la più alta mai registrata dal Dopoguerra ai nostri giorni.

Il giorno più nero è stato  il 28 marzo 2020, con 928 morti.

Piemonte, Valle D’Aosta, Lombardia e Provincia autonoma di Trento sono le regioni che registrano i dati più significativi. 

Il 28 marzo 2020 è stato  il giorno più nero con 928 morti, invece nella seconda ondata  il numero più alto di decessi giornalieri  il picco è stato il 19 novembre con 805 morti.

Inoltre, complessivamente dall’inizio dell’epidemia ci sono stati più decessi tra gli uomini (56,7%).

L’Istat, in pratica, ha registrato la mortalità  da Covid-19 più alta dal Dopoguerra.

Foto tratte dal web

SarsCov2

Non copiare!!!