Verona, tre ergastoli per l’omicidio di Vasile Todirean bruciato vivo

Tutti condannati all’ergastolo i tre accusati dell’omicidio  di Vasile Todirean, il senza fissa dimora romeno, bruciato l’8 luglio 2019, alla stazione di Villafranca di Verona. L’uomo era morto dopo due mesi e mezzo di agonia.

Le richieste del PM, Pubblico Ministero, Elvia Vitulli sono state accolte, quindi, dalla Corte di Assise di Verona.

Una vicenda tragica, compiuta dal branco per futili motivi: per una sigaretta negata. Il clochard era stato colpevole di chiedere una sigaretta e del vino. 

Si tratta di Liliano Bosoni romeno, Cristian Tuca, entrambi senzatetto ed il villafranchese Eros De Mori, 43 anni. I tre imputati  sono stati riconosciuti colpevoli di omicidio pluriaggravato. Il branco aveva picchiato brutalmente il povero Vasile Todirean e poi dato alle fiamme.  La vittima era stata trovata agonizzante da un capotreno, vicino al primo binario, alle prime luci dell’alba. Le indagini degli inquirenti si erano subito rivolte verso il mondo delle persone che popolavano la stazione nella notte.

Riconosciuti dai giudici anche il risarcimento provvisionale alle parti civili, uno zio della vittima ed il Comune di Villafranca.

Foto tratta dal web

Non copiare!!!