Rilasciato lupo appenninico nell’Oasi WWF Gole del Sagittario

Poco più di un mese fa i colleghi della Riserva Naturale Regionale Oasi WWF Gole del Sagittario, hanno chiesto l’aiuto del Parco a seguito del ritrovamento a bordo strada di un giovane esemplare maschio di lupo appenninico, la cui età stimata era di 4-5 mesi, in evidente stato di debilitazione e di difficoltà. Inizialmente si era pensato ad un investimento: il giovane animale infatti tremava vistosamente e a malapena riusciva ad ergersi sulle zampe.

Una volta prelevato, il selvatico è stato trasportato e curato presso le strutture veterinarie del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise, a Pescasseroli, dal team del veterinario del Parco, Dott. Leonardo Gentile. Dopo alcune attente analisi è stato possibile stabilire che a determinare il grave stato di salute del giovane lupo è stata una forma molto acuta di rogna.

Lupo rilasciato Riserva Gole del Sagittario Dopo un mese di attenzioni e cure, l’animale è stato finalmente liberato nella zona di provenienza della Riserva delle Gole del Sagittario, in una zona vicina a quella interessata dal suo branco di appartenenza.

“Questa vicenda evidenzia ancora una volta, la necessità di investimenti utili a potenziare sul territorio regionale i centri di recupero fauna selvatica, anche nelle aree interne – dichiara Sefora Inzaghi, Direttrice della Riserva Gole del Sagittario – senza il prezioso soccorso del PNALM oggi noi non avremmo potuto scrivere un finale felice per questo lupo; ringraziamo il Direttore, per aver accolto le nostra richiesta di aiuto e il Dott. Gentile ed il suo staff per le cure e il tempo dedicato”.

“La collaborazione e il coordinamento tra le aree protette – ha dichiarato il Direttore del PNALM – è un presupposto fondamentale per la conservazione della biodiversità che assicuri successo come dimostra chiaramente questo episodio. Condividiamo con estremo piacere i momenti del rilascio effettuato, con non poca emozione e felicità, dal Personale del Parco e della Riserva!”

Il WWF ha lavorato intensamente negli ultimi anni per ridurre gli investimenti stradali ai danni del lupo (e dell’orso) attraverso dissuasori acustici e visivi per la fauna, e inviti alla prudenza rivolti ai guidatori in Piemonte, Emilia Romagna, Abruzzo e Molise.

WWF Italia

Non copiare!!!