Giornalismo in lutto, è morto Arrigo Levi

Il mondo del giornalismo è in lutto. È morto  Arrigo Levi, aveva 94 anni.

Era nato a Modena nel 1926, a causa delle leggi razziali contro gli ebrei è stato costretto all’esilio. Apparteneva ad una ricca famiglia ebrea.

La sua carriera giornalistica inizia come corrispondente da  Buenos Aires e poi Mosca per il Corriere della Sera e successivamente per  Il Giorno.

Arriva anche alla RAI. È stato anche  consigliere per le relazioni esterne del Quirinale, con Carlo Azeglio Ciampi e Giorgio Napolitano. Quattordici anni di attività. 

La sua attività professionale si è svolta come inviato per i giornali più grandi. Parlava correttamente 4 lingue, saggista. Fu a lungo editorialista del Thimes. Corrispondente a Mosca per  il Correre della Sera.

Arrigo Levi
Arrigo Levi

 

Arrigo Levi è stato anche redattore a Londra della Bbc, e negli anni Ottanta ha anche lavorato per Canale 5, come responsabile del rotocalco “Tivù Tivù”.

Secondo quanto raccontato dal direttore del TG5 Clemente Mimun su Twitter, mentre era in ospedale, rendendosi conto dell’avvicinarsi della sua fine, ha cantato l’inno d’Israele.

Foto tratte dal web

 

Non copiare!!!