Afghanistan, il messaggio di dolore della Cei

Un messaggio di sdegno e profondo dolore per la strage dello scorso giovedì a Kabul, in Afghanistan. È stato diffuso dalla  presidenza della Conferenza episcopale italiana.

La foto che pubblichiamo è di  Shamsia Hassani,

Shamsia Hassani
Shamsia Hassani

la prima street artist afgana,  professoressa di scultura all’Università di Kabul, che sta  raccontando il dramma dell’Afghanistan, in particolare l’oppressione delle donne afgane. 

Ecco, di seguito, il testo del messaggio della presidenza della Cei.

Esprimiamo dolore e sdegno per il vile attentato che ieri, 26 agosto, all’aeroporto di Kabul, in Afghanistan, ha provocato centinaia di vittime e feriti, causando ulteriore dolore a un popolo già provato dalla sofferenza e dalla paura. Purtroppo, abbiamo assistito in questi anni a scelte che si sono rivelate nel tempo poco lungimiranti e incapaci di garantire la necessaria sicurezza alla popolazione afghana.

Di fronte a questa ennesima strage, che offende profondamente la dignità umana, rinnoviamo l’invito di Papa Francesco “affinché cessi il frastuono delle armi e le soluzioni possano essere trovate al tavolo del dialogo”. Per questo, rivolgiamo un appello alla Comunità internazionale, perché si faccia finalmente garante della pace in Afghanistan e nell’intera regione mediorientale, da troppo tempo attraversata da conflitti e segnata da violenze che sempre ricadono sulla popolazione civile, gravando soprattutto sulle persone più fragili e indifese. Il mondo non può voltare gli occhi dall’altra parte, fingendo di non vedere che, nelle complesse vicende politiche e militari in corso a Kabul e nel resto del Paese, ancora una volta vengono meno i diritti di bambini, donne, anziani, minoranze etniche e religiose. Invitiamo tutti a volgere lo sguardo del cuore verso chi è più bisognoso e vive in povertà e malattia.

Rivolgiamo un pensiero fraterno alle piccole comunità cristiane dell’area, assicurando l’impegno della Chiesa che è in Italia a partecipare ai programmi di accoglienza dei profughi in accordo con le Istituzioni. E mentre invitiamo le nostre comunità ecclesiali a invocare la pace per la martoriata terra afghana e per tutti gli altri contesti in cui soffiano venti di guerra, assicuriamo preghiere per le vittime e vicinanza ai loro cari, così come a quanti stanno pagando il prezzo più alto di questa nuova ondata di violenza”.

La presidenza Cei

Foto tratte dal web

 

Non copiare!!!