Viterbo, Pietro Petroselli in pensione. Classe ed esperienza nella Polizia locale

Garbo, professionalità, ed  una grande carica umana. Sono, senza ombra di dubbio, le qualità che hanno reso l’ispettore superiore scelto della Polizia locale di Viterbo, Pietro Petroselli, una figura rappresentativa della Città.

Un uomo che ha saputo dare lustro ed un tocco di classe alla Polizia locale del Capoluogo della Tuscia che va in pensione, dopo anni di onorato servizio.

Garbato, mai fuori le righe, con quella signorilità innata ed una preparazione maturata nel corso degli anni e probabilmente ereditata dal padre, anche lui molto stimato  Vigile urbano a Viterbo.

Pietro Petroselli

Lo abbiamo visto spesso in servizio con la collega Daniela, sempre in coppia, spesso alle cerimonie con il Gonfalone della Città. Un duo perfetto, che ha rappresentato un simbolo di comprovata efficienza, ma soprattutto anche di compravata dose di umanità, a contatto con i cittadini.

Così, Pietro Petroselli se ne va in pensione, non lo vedremo più impeccabile nella sua divisa in giro per la città a dispensare informazioni ai turisti, o a redarguire  garbatamente, ma con fermezza, gli automobilisti indisciplinati.

Pietro Petroselli Viterbo

Pietro Petroselli ha saputo interagire e rappresentare al meglio il Corpo dei Vigili Urbani, ora Polizia locale, istituito a Viterbo nel maggio del 1867.

Grazie Pietro Petroselli. Ci vediamo in giro per Viterbo, non più in divisa, ma sempre con il tuo sorriso affabile al quale ci hai abituati nel tuo lungo servizio.

Auguri dalla Redazione di InfiniteRealtà. It

Pietro Petroselli Viterbo, Santa Rosa

 

Non copiare!!!