Covid-19, i Nas trovano tracce di positività nei supermercati

Non era bastato trovare tracce di Covid-19 negli autobus e nei treni della metropolitana di Roma. Erano stati infatti i Nas dei Carabinieri, Nuclei Antisofisticazioni e Sanità dell’ Arma istituiti il 15 ottobre 1962, a riscontrare tracce del virus sulle maniglie e sui pulsanti.

Ora l’attenzione dei Nas si è spostata, per fortuna, nei supermercati, dove  sono state trovate tracce nelle maniglie dei frigoriferi e sui carrelli della spesa. 

Su 30 tamponi effettuati, sono stati 4 i casi di positività al Covid-19, rilevati da Arpa Lazio.

Coronavirus

Non solo a Roma, ma anche in altre città d’Italia.

Tutto era iniziato il 15 aprile dalla zona Tuscolano di Roma, per poi proseguire, dunque, in altre zone, analizzando anche le tastiere per il pagamento con carte di credito, i tasti delle bilance e dei cosiddetti dispositivi “salvatempo”, usati dai clienti dei supermarket per la lettura automatica dei prodotti acquistati.

Attenzione e disinfettante sempre a portata di mano.

Foto tratta dal web

 

 
Non copiare!!!